TORONTO – CASCATE DEL NIAGARA – BOSTON

IMG_7321

Fin da bambina ho sempre sentito parlare delle Cascate del Niagara, all’epoca sembravano le cascate più grandi del mondo, ora non è più così ma comunque rimanevano un sogno che vedevo così lontano e irraggiungibile…invece non è poi così irraggiungibile!

Il viaggio parte da Milano direzione Toronto il 28 maggio, arriviamo alle 19.00 orario locale un pò stanchi e assonati, per noi è notte fonda, ci sono 6 ore di fuso orario. Giunti all’Hotel Hilton Double Tree non pensiamo ad altro che andare a dormire! Ovviamente alle 6.00 siamo svegli, Toronto ci aspetta, girovaghiamo un pò nei dintorni cercando un posto per fare colazione, il primo che troviamo è un pò sporchino e pieno di barboni allora decidiamo di cambiare e finalmente troviamo uno Starbucks, che non ci abbandonerà per tutta la vacanza, il suo caffè macchiato al caramello è troppo buono! Via si parte direzione CN Tower, la torre di Toronto che domina tutta la città, le vie che percorriamo sono larghe e molto curate, con molte aiuole di fiori…arrivati sotto la torre rimaniamo impressionati è davvero alta (553 m) ed imponente, in 58 secondi l’ascensore panoramico arriva a destinazione…wao la vista è davvero meravigliosa, c’è un cielo azzurrissimo, la città è molto moderna con i suoi grattacieli ma c’è anche molto verde, anche delle isolette situate nell’immenso Lago Ontario. La particolarità di questa torre è che ha una parte con il pavimento trasparente a strapiombo, mio Dio che ansia!

IMG_7337

Dopo aver comprato qualche souvenir ci dirigiamo verso il lago, incrociando una grande folla di tifosi tutti vestiti di blu che si recavano a vedere la partita di baseball dei Blue Jays, bhe non possiamo non comprare una maglietta anche noi ! Vicino alle sponde del lago ci sono bancarelle di cibo sud americano, musica, una bella atmosfera…ci fermiamo a mangiare in un bel ristorante proprio qui chiamato Amsterdam, ci gustiamo subito dei succulenti hamburger! Costeggiamo un pò il lago e ci infiliamo nel Path, che è una sorta di Toronto sotterranea ampia circa 30 km per quando in inverno fa molto freddo, ci si può rifugiare qui dove ci sono negozi, ristoranti, bar ecc… in verità ci sono 28 gradi quindi un giretto veloce basta e usciamo per dirigerci al Distillery District, una vecchia distilleria diventata un quartiere di artisti e di negozi originali, un pò distante dal centro, meglio prendere un taxi ma ne vale la pena.

IMG_7354

Visto che abbiamo vicino all’hotel Chinatown decidiamo di cenare lì, così cerchiamo sul web un buon ristorante che faccia dim sun e troviamo Dim Sun King molto quotato, dopo un breve giretto del quartiere entriamo nella palazzina del ristorante che si trova al terzo piano, c’è una gran confusione, è strapieno, buon segno! Iniziamo a scegliere i nostri ravioli, non è così facile come pensavamo ci sono termini in inglese un pò strani e quasi tutti i ravioli sono di carne, generalmente a noi piacciono molto di gamberi… va bhe ci buttiamo e ne ordiniamo qualcuno… dopo poco ci arrivano tendini di mucca, una palla gialla molliccia di una carne indefinita, un’altra palla fritta dolce con carne e finalmente gli unici 2 dim sun di gamberi…che dire a parte gli ultimi due gli altri erano semplicemente disgustosi…avremo sbagliato sicuramente noi ma non ci metteremo più piede!

IMG_7364

È giunto il grande giorno si parte per le cascate del Niagara…la strada è breve circa un ora, lasciamo la macchina al nostro hotel Hilton che  non ha ancora la camera pronta, quindi non ci resta che andare a vedere quell’incredibile spettacolo della natura, la strada è in discesa e si inizia ad intravedere qualcosa…mi batte il cuore…ancora pochi passo ed eccole… non ho parole per descrivere la potenza dell’acqua che scroscia giù dal dirupo di circa 50 m…sono stupende! L’azzurro del cielo e dell’acqua le rende ancor più spettacolari…facciamo un breve giro per ammirare e ci lanciamo subito sulla famosa barchetta con le mantelline indosso per il tour a ridosso delle cascare,  si passa prima accanto alla prima cascata orizzontale situata in territorio americano e poi si naviga verso la più imponente House shoe Fall. ..gli schizzi d’acqua arrivano già in distanza, lo scroscio è sempre più forte per finire proprio a ridosso in un turbinio d’acqua. …arriva acqua da ogni angolo, non so capisce più niente ma la gioia ci invade totalmente…dove ci troviamo???? Ai piedi di una delle meraviglie del mondo! Torniamo belli bagnati dal tour in barca, per fortuna fa sempre caldo e ci asciughiamo velocemente gustandoci un bel Hot Dog vista Niagara Falls!!!

IMG_7370

Continuiamo la nostra passeggiata sulla camminata lungo le cascate giungendo al punto forse più impressionante, dove la cascata fa il suo salto, che forza incredibile, che natura!

IMG_7385

Finalmente la camera è pronta, saliamo al 32 e rimaniamo letteralmente senza parole, è una suite immensa composta da una camera matrimoniale appena entrati, un corridoio dove a metà c’è un fantastico bagno con idromassaggio e a seguire l’altra stanza con altro letto matrimoniale e una vista che non scorderò mai più nella vita, un’enorme finestra che affaccia proprio sulle cascate…lanciamo borse e bagagli e ci incantiamo lì davanti!

La sera dopo una bella cena da Rainbow Forest e una passeggiata nella Las Vegas delle Niagara Falls ci godiamo lo spettacolo dei fuochi d’artificio sulle cascate, davvero suggestivo!

IMG_7397

L’indomani ci svegliamo all’alba per vedere sorgere il sole sulle Niagara Falls…wao!

IMG_0119

Ultimo acquisti e partiamo alla volta di Buffalo per assaggiare le famose chicken wings, dove dicono essere nate…prima però una tappa in una cittadella chiamata Niagara on the Lake non lontana da qui, per le vie il tempo sembra essersi fermato, case storiche, negozi di porcellane e sale da tè riempiono le vie di un atmosfera fuori dal comune, tutto è perfettamente curato e i fiori colorati rendono tutto molto allegro ed elegante. Risaliamo in auto e via verso la dogana tra Canada e Usa, tocca a noi e un poliziotto armato fino ai denti ci fa un po di domande e ci spedisce in una sala piena di gente di ogni nazionalità per pagare un visto di 18 dollari,  che ancora non abbiamo capito per cos’era dato che avevamo già pagato l’Esta.

IMG_7412

Arrivati a Buffalo gustiamo le nostre famose alette e coscette di pollo nel ristorante più storico della città Ancho, il posto è molto bello con tutte le moto appese al soffitto, fa troppo freddo, esagerano con l’aria condizionata e che dire le chicken wings non sono male ma niente di ché!

Ripartiamo per Albany, la sosta intermedia dove dormiremo per spezzare un po il viaggio per Boston. La città non è niente di ché ma l’albergo e il personale sono molto carini (Hampton Inn & Suite).

Finalmente Boston, dopo un pò di peripezie per trovare l’hotel, finalmente ci sistemiamo per tre giorni di seguito…possiamo finalmente disfare la valigia! Non perdiamo tempo e cominciamo subito a percorrere le tappe del Freedom Trail, un itinerario che ci porterà nella vecchia Boston, attraverso le attrazioni più importanti della città, partendo dal Common Park fino al Bunker Hill Monument di Charlestown…il tutto segnato da una riga rossa per terrà comodissima a mio parere perchè non c’è bisogno nemmeno di usare la cartina.

IMG_7416

Ovviamente tra un monumento e l’altro siamo giunti al Quincy Market , un mercato per la maggior parte coperto con all’interno un sacco di ristorantini squisiti e all’esterno delle belle bancarelle fatte a carretti. Ci siamo fermati qui a mangiare un bell’hamburger da Cheers, posto carino e molto buono!

IMG_7422

La sera oramai sconvolti dai nostri giri e dal fuso orario, che in una settimana è difficile da smaltire, ci trasciniamo sul Water Front per andare al ristorante Legal Food, che consiglio vivamente a tutti, una cucina di pesce spettacolare!

E’ tempo di Cape Cod, il tempo non è dei migliori ma per lo meno non piove e quindi via verso Plymonth, un’incantevole paesino sul mare, col suo piccolo porto, dei negozietti di souvenir molto carini, era proprio come mi immaginavo Cape Cod…proseguendo però ci accorgiamo che sono sempre meno i paesi sul mare ma bensì sono quasi tutti all’interno in campagna, con delle ville bellissime in perfetto stile americano, che sono comunque stupende da vedere ma la vita di mare ci attirava di più…così decidiamo di fare un’ultima tappa in una spiaggia in prossimità di Dennis, davvero stupenda, immensa con la bassa marea e queste casettine affacciate sul mare, un vero incanto! Torniamo verso le 17.00 per rimanere bloccati almeno per un ora di coda…e va bhe è andata così!

IMG_7425

La sera un pò di shopping e di nuovo a cena al Quincy Market , è troppo bello qui…

Ultimo giorno….non può mancare un giro all’importante università di Boston, Harvard, è proprio come si vede nei film…la sua struttura in mattoni rossi e i suoi vialetti nel verde…anche il quartiere è molto carino. Nel pomeriggio iniziamo a sentire la pesantezza del viaggio che si avvicina ma non ci demoralizziamo e ci godiamo la vista dall’alto del Prudential Building. La vacanza purtroppo volge al termine ma è stata incredibile…devo ringraziare con tutto il mio cuore i mie fantastici genitori che ancora una volta hanno reso possibile tutto questo…è stato un viaggio stupendo, pieno di emozioni…indimenticabile!

  • IMG_20160603_102142

 

 

 

 

Precedente ALGHERO Successivo SAPETE GIA' COSA FARE NEL WEEKEND?

4 commenti su “TORONTO – CASCATE DEL NIAGARA – BOSTON

  1. Claudio il said:

    Bellissima descrizione del viaggio. Proprio brava. Bisogna che ne facciamo molti altri così
    avrai molto materiali di cui parlare!!!

  2. claudia il said:

    FANTASTICO VIAGGIO E BELLISSIMO RACCONTO!!!
    BRAVA COME SEMPRE E PIù DI SEMPRE!!! hai cambiato un pò il tuo stile , ora sei più narrativa….
    Ed ora è il momento di rivedere il vecchio film con M.Monroe: NIAGARA… vero cult!
    Io è come se avessi già prenotato al vostro stesso Hilton, nn so ancora se per due o per tre :):):)

    • viaggiaconfede il said:

      grazie Claudia! Si ho voluto farlo più narrativo questa volta mi piaceva l’idea…l’hai colto subito! Devi troppo andarci è un vero sogno!bacioni

I commenti sono chiusi.